News

Cambio pneumatici 15 aprile 2021: cosa sapere sull’obbligo per non farsi cogliere impreparati

Come ogni anno ci ritroviamo nel periodo in cui, in rispetto a quanto previsto dal Codice della Strada, dobbiamo programmare e procedere con il cambio degli pneumatici invernali a favore degli pneumatici estivi.

Tanto nella provincia di Milano quanto nel resto della penisola italiana, le ordinanze emesse in forza del Codice della Strada impongono il cambio pneumatici al 15 aprile 2021. O meglio, quella del 15 aprile è una data di riferimento che apre una finestra temporale di un mese, quindi fino al 15 maggio, in cui poter montare le gomme estive.

La maggior parte degli automobilisti ne è già in possesso e quindi dovrà “semplicemente” organizzarne il cambio rivolgendosi al professionista di fiducia. Chi invece, per un motivo o per un altro, si ritrova a pianificare l’acquisto delle gomme estive, dovrà fare alcune valutazioni.

Non soltanto di carattere economico, ma anche e soprattutto di carattere funzionale. Va da sé che chi non ha già in custodia degli pneumatici estivi, andrà alla ricerca delle migliori offerte per risparmiare sull’acquisto.

Ma qual è il momento giusto per risparmiare? Una buona regola è non aspettare l’ultimo minuto per comprare e quindi procedere al cambio pneumatici del 15 aprile 2021, perché un acquisto fatto in anticipo consente sia di trovare più facilmente una buona offerta e sia di montare le gomme estive senza le lunghe attese che solitamente si generano in prossimità della scadenza dei termini imposti dalla legge.

Poi, prima di acquistare definitivamente un prodotto, occorre anche considerare che in commercio ci sono tante tipologie di gomme.

Dagli pneumatici estivi in senso stretto alle gomme per tutte le stagioni o ancora alle gomme M+S. Come orientarsi nella scelta in funzione delle caratteristiche del proprio mezzo di trasporto e delle proprie personali necessità?

Di questo e dei vincoli imposti dal Codice della Strada per il cambio pneumatici del 15 aprile 2021 vincoli parleremo in questo approfondimento.

 

SOMMARIO:

Cambio pneumatici 15 aprile 2021: cosa sapere sull’obbligo per non farsi cogliere impreparati

Gomme estive e pneumatici invernali: normativa e motivazioni a favore del cambio

Quando, come e perché montare le gomme estive: ecco cosa sapere

Gomme per tutte le stagioni: come individuare il codice di velocità

Gli penumatici M+S: cosa sono e quali caratteristiche hanno

Codeghini Auto per la vendita e le offerte di pneumatici a Milano Sud

 

Gomme estive e pneumatici invernali: normativa e motivazioni a favore del cambio

Per fare chiarezza va precisato che la Legge obbliga, nel periodo invernale, all’utilizzo di pneumatici invernali (o alla dotazione di catene omologate) ma in primavera l’obbligo di ripristino delle gomme estive vale solo se il veicolo, avvalendosi della Direttiva 92/23/CE, è stato dotato di gomme invernali con indice di velocità inferiore a quello previsto dalla carta di circolazione (purché non inferiore all’indice Q pari a 160 km/h).

Quindi teoricamente è possibile mantenere gli pneumatici invernali, ma solo per un fatto formale. In realtà, per viaggiare in sicurezza, è fortemente raccomandato di montare le gomme estive poiché quelle invernali hanno una mescola più morbida e “soffrono” con temperature già al di sopra dei 20 gradi centigradi. In caso di mancato cambio, i rischi cui si va incontro sono generalmente:

  • la minore aderenza al manto stradale
  • la possibile perdita di controllo nelle curve in velocità
  • l’allungamento degli spazi di arresto in caso di frenata

 

Questi problemi iniziano a manifestarsi con la primavera e diventano evidenti in estate, quando le alte temperature rendono la gomma sdrucciolevole. Infatti, le gomme invernali sono morbide e il loro battistrada presenta materiale e disegno adatti a creare un forte attrito con il suolo.

Caratteristiche, queste, che in estate portano a forte usura delle gomme stesse con conseguente surriscaldamento della superficie, aumento dei consumi e perdita di aderenza.

Al contrario, le gomme estive sono appositamente pensate e strutturate per circolare al caldo. Difatti sono composte di gomma molto dura e hanno un battistrada con un numero nettamente inferiore di intagli. E queste caratteristiche, in antitesi a quelle degli pneumatici invernali, li rendono inadeguati a circolare sia sul bagnato sia sulla neve.

La deformazione della gomma nei blocchi componenti il battistrada prende il nome di isteresi e in linea generale vale che:

  • la bassa isteresi migliora la tenuta sul bagnato
  • l’alta isteresi riduce la resistenza al rotolamento

C’è un altro dettaglio importante cui prestare attenzione ed è lo spessore minimo del battistrada regolamentato dal Codice della Strada:

  • per gli pneumatici estivi, è pari a 2 mm
  • per gli pneumatici invernali, è pari a 4 mm

Quando, come e perché montare le gomme estive: ecco cosa sapere

Lo abbiamo già detto all’inizio: dal 15 aprile 2021 sarà obbligatorio montare le gomme estive sulle proprie auto. Entriamo dunque più nel dettaglio del cambio e delle disposizioni normative.

·       La finestra temporale per il cambio pneumatici 15 aprile 2021

A scanso di equivoci, lo ripetiamo ancora una volta: il 15 aprile scatta l’obbligo della sostituzione degli pneumatici invernali. Il Codice della Strada offre uno slot di un mese per procedere con l’eventuale acquisto e il successivo montaggio. Quindi a partire dal 15 maggio 2021, e senza ulteriori deroghe, il cambio dev’essere effettivo e durerà fino al prossimo 15 ottobre 2021.

A proposito di finestre temporali per programmare e montare le gomme estive, è importante anche sottolineare una fondamentale differenza rispetto allo scorso anno.

È vero che siamo ancora in una situazione pandemica, ma contrariamente allo scorso anno quando ci fu lo slittamento di un mese dei termini, quest’anno l’emergenza Covid-19 non dovrebbe procurare nessun disservizio visto che gommisti e officine sono regolarmente aperti in tutta la penisola, indipendentemente della fascia di colore di appartenenza della regione di riferimento.

Infatti, a prescindere dalla zona che sia gialla, arancione o rossa, gli pneumatici rientrano nelle vendite al dettaglio ammesse nell’allegato 23 del DPCM del 2 Marzo 2021 e sono considerati beni di prima necessità.

Di conseguenza l’attività di montaggio e smontaggio rientra tra quelle artigianali assimilabili a quelle produttive e dunque non è soggetta a restrizioni. In conclusione: attenzione alle scadenze per il cambio pneumatici del 15 aprile 2021!

·       Chi sono i soggetti interessati dal passaggio alle gomme estive?

La risposta è tutti: coloro che dal 15 maggio 2021 circoleranno con gomme invernali, in caso di controllo, correranno il rischio di incorrere in sanzioni amministrative. .Tuttavia, come ben sappiamo, esiste sempre l’eccezione alla regola che nel caso del cambio degli pneumatici del 15 aprile 2021 è data solamente da due tipologie di automobilisti:

  • chi è già dotato di gomme per tutte le stagioni
  • chi monta gomme M+S con un indice di velocità che sia uguale o superiore a quello indicato sulla carta di circolazione

In questi due casi gli pneumatici possono essere usati tutto l’anno senza rischi e senza limitazioni. Al contrario, solo le gomme invernali che riportano un codice di velocità inferiore (al massimo una lettera) devono essere obbligatoriamente cambiate nel periodo estivo.

·       Le sanzioni amministrative in caso di mancato cambio degli pneumatici estivi

Come detto prima, la mancata adempienza all’obbligo di legge paventa la possibilità di incorrere in sanzioni amministrative. È importante esserne consapevoli poiché l’entità dalla sanzione non è affatto trascurabile, anzi.

Può variare da un minimo di 422 € a un massimo di 1.682 € circa, e nei casi più gravi può anche causare il ritiro della carta di circolazione che obbligherà l’automobilista alla visita e a una prova presso la motorizzazione civile.

Gomme per tutte le stagioni: come individuare il codice di velocità

Vista l’incidenza, anticipata nel paragrafo precedente, del codice di velocità sul cambio o meno delle gomme invernali o delle gomme per tutte le stagioni, facciamo un breve focus su di esso. Il codice di velocità è una sigla rappresentata da una lettera dell’alfabeto nel range A1-Y e riportata sulle gomme delle auto.

È importante perché corrisponde alla velocità massima alla quale un pneumatico può viaggiare. Per esempio:

  • la lettera P indica che il limite è di 150 km/h
  • la lettera Q indica che il limite è di 160 km/h
  • e così via fino alla sigla Y

Su qualsiasi carta di circolazione è indicato il codice di velocità minimo di ciascuna vettura. Quindi se il libretto riporta la lettera Q, montando pneumatici invernali M+S con codice di velocità da Q in poi (come Q, R, S. T, e oltre) non c’è nessun obbligo al cambio degli pneumatici del 15 aprile 2021. Viceversa, l’obbligo sussiste fino alla lettera P.

Gli penumatici M+S: cosa sono e quali caratteristiche hanno

Li abbiamo introdotti come una delle eccezioni all’obbligatorietà del cambio degli pneumatici del 15 aprile 2021, facciamone dunque un breve focus sulla loro tipologia.

La sigla M+S significa “Mud+Snow”, cioè “fango e neve”: è posizionata sul fianco della gomma e si riferisce alla capacità di fornire aderenza in virtù del solo disegno del battistrada. Battistrada che deve avere le seguenti caratteristiche:

  • tasche multiple o fessure in almeno uno dei bordi, dirette verso il centro ed estese almeno mezzo centimetro
  • solchi perpendicolari, con una larghezza trasversale minima di 1/16 di pollice
  • bordi delle fessure/canali ad angolo, tra 35 e 90 gradi rispetto alla direzione di marcia
  • un’area di non contatto di almeno il 25%

Della tipologia M+S possono essere sia gli pneumatici invernali sia le gomme auto 4 stagioni. E per questo motivo è importante tenere a mente che la sola dicitura M+S non è sufficiente a definire una gomma adatta alle temperature rigide.

Infatti, tanto le invernali quanto le gomme per tutte le stagioni hanno una mescola della gomma capace di rimanere aderente anche in presenza di basse temperature, mentre non sempre è così per le M+S. Inoltre occorre tenere conto del fatto che i produttori possono apporre la sigla M+S anche senza che le gomme abbiano superato test specifici di frenata o tenuta laterale sul bagnato, su neve o ghiaccio.

Nonostante ciò non si può negare che il possesso di una gomma M+S è spesso una semplificazione e permette di essere in regola con la legge.

Codeghini Auto per la vendita e le offerte di pneumatici a Milano Sud

Codeghini Auto è officina e gommista: ci occupiamo infatti dei classici servizi di un’autofficina, come il tagliando dell’auto. Ma siamo anche rivenditore autorizzato Opel/Suzuki: per entrambe le case automobilistiche, proponiamo i modelli più importanti anche in riferimento alle novità di auto elettriche e di auto ibride.

E, ovviamente, ci occupiamo di vendita e offerte di pneumatici a Milano Sud, nonché del loro cambio o anche del deposito degli stessi.

I nostri servizi a tema “pneumatici” coprono infatti tutte le più classiche esigenze di un automobilista: dall’equilibratura gomme alla rigenerazione dei cerchi in lega all’assetto ruote digitale. Senza dimenticare il montaggio degli pneumatici dopo il cambio, la manutenzione e la riparazione degli stessi, nonché il deposito.

Riassumendo, Codeghini Auto è il punto di riferimento cui rivolgersi sicuramente per la vendita e la ricerca di offerte di pneumatici a Milano Sud e per i servizi d’autofficina. E lo è anche per chi è alla ricerca di un veicolo Suzuki o Opel.

 

Ci troviamo a Vizzolo Predabissi, vicino a Melegnano, in provincia di Milano. Vieni a trovarci oppure compila il form online presente sul nostro sito per contattarci.