News

Installazione gancio traino per auto: come scegliere il più adatto alle proprie necessità

I ganci di traino sono strumenti meccanici statici da montare al telaio di un veicolo e sono funzionali a chi ha la necessità di unire un rimorchio. Tra gli esempi più comuni, parlare di rimorchio equivale a pensare a roulotte, oppure a carrelli tenda o ancora a carrelli adibiti al trasporto di merce varia.

Il montaggio di un gancio risolve infatti i tanti problemi che si presentano quando lo spazio e le capacità di trasporto, dell’auto o del pulmino o più in generale del mezzo in proprio possesso, non sono sufficienti.

Va da sé che gli utilizzi dei ganci di traino per auto sono numerosi e spaziano, per esempio, dall’aggancio dei supporti per le biciclette al traino di un carrello per i bagagli in eccesso, per il gommone o la barca a vela e naturalmente, come già anticipato, di una roulotte.

Il mercato offre diverse tipologie di ganci di traino: scegliere il modello più adatto alle proprie necessità è importante per sfruttare al massimo le potenzialità di questi componenti.

Inoltre è fondamentale ricordare che l’installazione del gancio traino segue norme e indicazioni ben precise, soprattutto in termini di omologazione. Per esempio, dopo il suo montaggio, è necessario:

  • aggiornare il libretto dell’auto, visto che si tratta di un dispositivo installato sul corpo della stessa
  • presentare la documentazione tecnica, che correda il montaggio di un gancio, altrimenti si rischia di incorrere in sanzioni pecuniarie

Viste le tante informazioni in gioco, noi di Codeghini Auto abbiamo pensato di dedicare il seguente approfondimento proprio all’argomento ganci di traino, offrendovi una panoramica dei tipi di ganci oggi disponibili e delle informazioni da conoscere quando si parla di installazione del gancio traino e di documentazione necessaria a corredo della dichiarazione di montaggio.

 

SOMMARIO:

Installazione gancio traino per auto: come scegliere il più adatto alle proprie necessità

Che cos’è il gancio di traino: alcune informazioni di base da conoscere

Quanti e quali sono i modelli di ganci di traino per auto acquistabili sul mercato?

Installare il gancio da traino: quali step prevede e a cosa fare attenzione?

La documentazione necessaria per l’installazione ed omologazione del gancio traino

Acquistare i ganci di traino per auto: gli elementi importanti da valutare

Gancio traino e costo di acquisto e di montaggio: come orientarsi?

Codeghini Auto: il tuo braccio destro per l’installazione del gancio traino

 

Che cos’è il gancio di traino: alcune informazioni di base da conoscere

I ganci di traino per auto sono, come detto all’inizio, strumenti meccanici statici. Volendo essere più specifici, sono definiti come dispositivi a sfera per rimorchi leggeri, ovvero:

  • con massa a pieno carico non superiore a 750 kg
  • con massa complessiva, considerando rimorchio e motrice, a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate

Attenzione a non superare i valori di peso a pieno carico sopra citati: il rischio è incorrere in multe salate, anche in considerazione del fatto che per guidare un convoglio oltre le 3,5 tonnellate è obbligatorio il possesso della patente di categoria E.

Riportando l’attenzione sui ganci di traino, la loro costruzione prevede:

  • una struttura di supporto della sfera, solitamente in tubo o profilato metallico ad alta resistenza, che si fissa alla scocca in punti predisposti dal costruttore
  • la sfera stessa, che a sua volta può essere fissa, ripiegabile di lato o estraibile

Tra i costruttori di ganci di traino per auto, i più noti oggi sono Thule, Ellebi, Bosal Westfalia o ancora Aragon.

 

Quanti e quali sono i modelli di ganci di traino per auto acquistabili sul mercato?

Esistono diversi modelli di ganci di traino per auto: la scelta dipende inevitabilmente dal match tra le loro caratteristiche funzionali e le personali esigenze di ciascuno. Di seguito vi presentiamo i 4 tipi di ganci più diffusi:

  1. Gancio fisso: è il modello più semplice in commercio ed è quello sempre visibile. Rimane ancorato alla vettura e può essere rimosso soltanto tramite due chiavi apposite: per questi motivi è la soluzione più scelta da chi lo utilizza spesso. Nel montaggio di un gancio fisso è importante prestare molta attenzione alla targa che non dovrà mai essere oscurata, e in nessuna delle sue parti, dalla presenza del gancio.
  2. Ganci estraibili: sono tipi di ganci rimovibili in maniera sicura e veloce, pertanto ideali per chi non utilizza questo componente con frequenza.
  3. Ganci di traino retrattili a scomparsa totale: sono appunto ganci a scomparsa che, a differenza dei precedenti ganci estraibili, possono essere nascosti sotto il paraurti dell’autovettura grazie a una leva. Difatti se non si attacca nessun altro mezzo all’auto, non ci si accorge neanche della loro presenza. Inoltre non è necessario estrarli ed è molto facile rimetterli al loro posto una volta utilizzati. I ganci a scomparsa sono dunque molto comodi per chi ne fa un uso continuo ma ci tiene all’estetica del proprio mezzo.
  4. Ganci a sfera flangia: a differenza dei modelli precedenti, i ganci di traino a sfera flangia sono molto resistenti e, come dice il loro nome, prevedono la presenza di una sfera. Sono tipi di ganci utilizzati solitamente su veicoli commerciali poiché offrono il vantaggio di poter essere regolati in altezza.

 

Installare il gancio da traino: quali step prevede e a cosa fare attenzione?

Dopo aver visto i diversi tipi di ganci disponibili in commercio, è bene capire quali sono i passaggi da seguire per procedere con l’installazione del gancio traino e con la sua omologazione.

Solitamente i ganci di traino sono installati direttamente dalla casa costruttrice dell’autovettura, sebbene nulla vieti di installare il gancio in un secondo momento. Una volta montato e ottenuta la dichiarazione di montaggio con firma (registrata) e timbro dell’azienda che ha eseguito l’operazione, è importante pianificare un collaudo senza il quale non si avrà la possibilità di ottenere l’omologazione.

Il collaudo verrà effettuato dalla Motorizzazione Civile dopo il versamento di due bollettini, il cui costo sommato si aggira intorno a 40 €. In caso di idoneità, sarà rilasciato un tagliando adesivo, riassuntivo delle caratteristiche tecniche del gancio, da attaccare sul libretto di circolazione.

È molto importante non trascurare nessuno degli step necessari per l’installazione ed omologazione del gancio traino poiché in mancanza di una omologazione ufficiale, il gancio sarà considerato fuori norma e il veicolo potrà subire una sanzione amministrativa oltre che un blocco per via del mancato controllo sulla sicurezza stradale.

Inoltre, i veicoli privi dell’opportuna omologazione dei ganci di traino per auto, se fermati dalla Polizia Stradale, saranno costretti a lasciare sul posto il rimorchio e non potranno proseguire il viaggio.

INSTALLAZIONE DEL GANCIO TRAINO: COME SCEGLIERE QUELLO ADATTO

 

La documentazione necessaria per l’installazione ed omologazione del gancio traino

L’utilizzo dei ganci di traino è regolamentato dall’articolo 78 del Codice della Strada che definisce la documentazione necessaria per il montaggio di un gancio e la sua successiva omologazione. Di seguito vi riportiamo uno specchietto riassuntivo dei documenti immancabili:

  • dichiarazione di montaggio secondo le prescrizioni della casa costruttrice, rilasciata dall’installatore
  • domanda redatta sul modello TT2119, disponibile presso lo sportello delle informazioni, compilato dal proprietario del veicolo
  • documentazione tecnica del dispositivo installato, completa in ogni sua parte di tutti i dati tecnici utili per la verifica, sempre rilasciata dalla casa costruttrice;
  • fotocopia del libretto di circolazione
  • ricevuta di versamento dei due bollettini, uno per la tariffa di motorizzazione e l’altro per l’imposta di bollo

La documentazione fin qui elencata è propedeutica al collaudo del gancio, fondamentale per poter circolare su strada, presso la Motorizzazione Civile. Difatti, l’operazione di installazione ed omologazione del gancio traino può definirsi conclusa solo dopo aver superato lo step del collaudo con il rilascio del tagliando adesivo da applicare sul libretto di circolazione.

Infine, tra la documentazione necessaria, per installare il gancio e utilizzarlo correttamente, includiamo anche la copertura assicurativa.

Per quanto possa apparire strano, anche il gancio da traino va assicurato: si tratta di un’estensione alla polizza RCA base, solitamente quantificata nella misura del 5%. Va detto però che molte compagnie assicurative lo integrano all’interno della polizza già stipulata senza sovrapprezzo.

A proposito di copertura assicurativa, è importante ricordarsi che oltre al gancio, va assicurato anche il rimorchio in riferimento al rischio statico, per tutelare ad esempio un eventuale distacco dalla motrice, oppure agli incidenti su strada pubblica che possono occorrere quando il rimorchio resta fermo ma sganciato dall’auto.

 

Acquistare i ganci di traino per auto: gli elementi importanti da valutare

Per l’acquisto di un gancio traino oggi è possibile fare riferimento a numerosi siti internet specializzati che offrono interessanti panoramiche dei tanti tipi di ganci disponibili sul mercato nonché dei relativi prezzi.

Tuttavia, quando si sceglie un gancio traino, ci sono alcuni elementi importanti cui fare attenzione per non commettere la scelta sbagliata. Ve li riassumiamo di seguito:

  • qualità del dispositivo
  • presenza della garanzia
  • metodo di installazione del gancio traino
  • alterazioni da effettuare sul proprio veicolo
  • costo da sostenere per il kit elettrico adeguato

A proposito di acquisto, è diffusa la tendenza di scegliere modelli usati. Non che ci sia nulla di male anzi, purché siano rispettate tutte le condizioni fondamentali alla successiva installazione ed omologazione del gancio:

  • presenza e completezza della documentazione necessaria
  • disponibilità delle componenti di montaggio che non possono essere ordinate o riprodotte
  • rispondenza tra le caratteristiche del gancio in questione e il veicolo di cui si dispone
  • presenza e completezza di tutte le parti necessarie come centralina e kit elettrico

L’altra faccia della medaglia è chiara: in assenza di questi materiali, un gancio non potrà essere collaudato. E richiedere la documentazione necessaria e tecnica alla casa costruttrice è un’operazione che comporta un costo variabile tra 80 e 100 €.

Insomma, valutate bene prima di procedere all’acquisto di un prodotto usato: a conti fatti e al netto delle complicazioni che si possono avere, forse conviene di più scegliere fin da subito un dispositivo nuovo.

 

Gancio traino e costo di acquisto e di montaggio: come orientarsi?

Di seguito vi riportiamo una visione d’insieme sul gancio traino e sul costo d’acquisto relativo considerando che, come facilmente intuibile, i costi sono inevitabilmente influenzati dal modello e dalla marca. Per esempio, come già anticipato, il gancio fisso è certamente il modello più economico: la sua spesa si aggira intorno ai 110 euro.

Per i ganci estraibili, invece, l’ammontare della spesa può raggiungere anche i 200/250 euro. Infine, i ganci a scomparsa prevedono un prezzo ancora più alto dei modelli precedenti e che può raggiungere anche i 400 euro.

Al costo del gancio traino considerato come singolo elemento andranno poi aggiunti i costi necessari per la sua installazione e che, al netto della variabilità legata alla manodopera del singolo professionista, orientativamente si aggirano tra i 100 e i 150 euro.

 

Codeghini Auto: il tuo braccio destro per l’installazione del gancio traino

L’Autofficina Codeghini, che opera nella zona di Melegnano in provincia di Milano, offre ai propri clienti il servizio di installazione del gancio traino con una vasta offerta di modelli e soluzioni: dal gancio fisso ai ganci estraibili, senza dimenticare i ganci a scomparsa.

Oltre al montaggio di un gancio traino, Codeghini Auto si occupa della documentazione necessaria e del disbrigo delle pratiche indispensabili per l’omologazione del gancio.

In aggiunta all’installazione ed omologazione del gancio traino, Codeghini Auto offre i servizi classici di un’autofficina. Si occupa quindi del tagliando dell’auto e del cambio delle gomme sia invernali sia estive, nonché della vendita degli pneumatici. È poi rivenditore specializzato Suzuki e officina Opel a Milano sud, di cui propone i modelli più importanti anche in riferimento alle nuove proposte di auto elettrica.

La nostra autofficina si trova a Vizzolo Predabissi, vicino a Melegnano, in provincia di Milano. Vieni a trovarci oppure compila il form online presente sul nostro sito per contattarci.