News

Verifica e controllo della revisione auto 2020: cosa cambia?

La verifica e il controllo tramite revisione dell’auto 2020, e in termini più generali quella relativa a tutti i mezzi a motore, si riferisce ad un adempimento normativo regolato dall’articolo 80 del Codice della Strada. Sia che si tratti di mezzi agricoli che di auto storiche e d’epoca, di auto GPL o elettriche, il controllo della revisione dell’auto è indispensabile per l’accertamento dei requisiti di idoneità alla circolazione, oltre ad essere obbligatoria anche se l’auto non circola ma è parcheggiata su strada.

Al di là delle disposizioni generali fornite da tale articolo, ogni anno c’è sempre qualcosa che cambia sul tema della verifica relativa alla revisione dell’auto: scadenza e costo, principalmente. Vediamo allora insieme cosa cambia per gli automobilisti che devono affrontare il controllo tramite revisione auto per il 2020 e come evitare inutili sanzioni.

 

Sommario:

Verifica e controllo della revisione auto 2020: cosa cambia?

L’art. 80 del Codice della Strada: una premessa

Revisione auto e scadenza: come comportarsi?

Revisione auto 2020: ecco i costi da sostenere e dove farla

Revisione auto 2020: la lista dei controlli previsti

Revisione auto 2020, Certificato di revisione e Documento Unico

La revisione auto 2020 falla da Codeghini Auto!

 

L’art. 80 del Codice della Strada: una premessa

Prima di entrare nel dettaglio delle novità legate alla revisione auto 2020, noi di Codeghini Auto vogliamo fare una piccola precisazione sull’articolo 80. L’articolo distingue 3 tipologie di revisione sui veicoli in funzione della loro massa massima:

  1. periodica, per i veicoli con massa non superiore a 3,5 tonnellate
  2. annuale, per i veicoli oltre le 3,5 tonnellate
  3. straordinaria, si tratta di una revisione parziale del veicolo disposta dall’ufficio competente in base al comma 7 dell’articolo 80 e richiesta su di un veicolo precedentemente coinvolto in un incidente stradale con danni riportati a freni, sospensioni, gomme, ecc.

Chiarito questo aspetto introduttivo, siamo pronti a partire con tutte le novità che riguardano la revisione auto 2020: scadenza, costi, dove effettuarla, certificato di revisione, DUC.

 

Revisione auto e scadenza: come comportarsi?

La scadenza è sicuramente uno dei primi aspetti, insieme al costo della revisione dell’auto, da tenere presente: ogni quanto tempo si fa la revisione dell’auto? Anche per il 2020, la revisione auto ha scadenza identica a quella degli anni passati:

  • a 4 anni dall’immatricolazione, in caso di auto nuova
  • ogni 2 anni, in caso di acquisto di auto usata oppure di auto che ha già più di 4 anni

Chiaramente facciamo riferimento ai veicoli, inclusi motocicli e motoveicoli, con massa massima complessiva inferiore o uguale a 3,5 tonnellate, indipendentemente dalla loro destinazione d’uso.

La scadenza biennale vale anche per le auto d’epoca o di interesse storico: in questa specifica situazione è possibile effettuare anche il bollino blu, ovvero il controllo dei gas di scarico, fattibile solitamente insieme alla revisione.

Nel corso del 2020 sarà quindi prevista la revisione per i seguenti veicoli:

  • obbligo rinnovo controllo tramite revisione auto nuove 2020, compresi motoveicoli e ciclomotori, immatricolati nel 2016, per cui dopo 4 anni
  • obbligo rinnovo controllo tramite revisione auto per tutti i veicoli revisionati nel 2018, compresi ciclomotori e motoveicoli, con scadenza ogni 2 anni

scadenze per i tagliandi

  • La scadenza della revisione annuale dell’auto

Per i veicoli con massa massima complessiva superiore a 3,5 tonnellate si rimanda all’obbligo della revisione annuale, come introdotto al punto precedente. I veicoli coinvolti da quest’obbligo sono: taxi, ambulanze, autobus, autoveicoli servizio di noleggio con conducente (NCC).

  • La scadenza della revisione straordinaria dell’auto

Come già anticipato, la revisione straordinaria è richiesta in casi specifici come gli incidenti.

In queste circostanze, la segnalazione di obbligo revisione straordinaria è segnalata dall’organo di Polizia che ha effettuato gli accertamenti dell’incidente, il quale trasmette al proprietario l’invito a sottoporre il veicolo alla revisione.

Al momento della verifica effettuata con revisione dell’auto straordinaria, il proprietario del veicolo dovrà presentare il modulo di domanda compilando il modello TT2100 e pagare la tariffa di revisione pari a 45,00 euro sul bollettino di conto corrente postale n. 9001.

È importante sottolineare che la necessità di compiere una revisione straordinaria non esclude l’obbligo per il proprietario del veicolo di eseguire la revisione periodica o annuale dello stesso, a meno che queste ultime non scadano nello stesso anno in cui si esegue la revisione straordinaria.

  • La scadenza per la revisione dell’auto: si può parlare di tolleranza?

In linea generale possiamo dire che per la revisione dell’auto la scadenza tollerata copre il lasso di tempo che arriva fino alla fine del mese entro cui andrebbe eseguita la revisione.

Dopodiché, a differenza di quanto accade in altri settori come quello assicurativo, dal giorno successivo alla scadenza dei termini, il veicolo non può circolare e il divieto è tassativo. Non esiste infatti nessuna tolleranza in caso di circolazione con revisione scaduta: in questo caso, il proprietario del mezzo va incontro a una sanzione variabile – sulla base di tutta una serie di fattori – da un minimo di 169 euro fino a un massimo di 7.953 euro (in caso di revisione omessa per più anni).

Oltre alla multa è prevista la sospensione della carta di circolazione e quindi l’obbligo di fermare il veicolo, con il permesso di raggiungere la propria abitazione, fino all’avvenuta ed effettiva revisione.

Se l’accertamento della revisione scaduta avviene in autostrada, il veicolo è sottoposto a sequestro ovunque si trovi.

Se poi alla verifica della revisione auto questa risultasse falsa, si incorrerebbe in una sanzione variabile tra i 419 e i 1682 euro, compreso il ritiro della carta di circolazione del veicolo.

 

Revisione auto 2020: ecco i costi da sostenere e dove farla

Partendo dal presupposto che la revisione auto non è qualcosa di opzionale ma è un vero e proprio obbligo di legge normato dal Codice della Strada, ecco dove poter eseguire la revisione auto per l’anno 2020 e i relativi costi da sostenere.

  • Motorizzazione Civile e Revisione Auto 2020

Il costo della revisione auto, moto e di tutti i veicoli presso la Motorizzazione Civile è pari a 45,00 euro.

  • Agenzia ACI e Revisione Auto 2020

Il costo della revisione di auto, moto, veicoli agricoli, GPL, auto storiche e d’epoca o elettriche presso le officine autorizzate ACI è pari a 65,25 euro. I costi per la prerevisione si distinguono in:

  • gratuiti, per i soci ACI
  • 25,00 euro, per i non soci ACI

mentre quelli per il check up sono pari a:

  • 23 euro, dal secondo intervento
  • 31 euro, per i non soci
  • Centri di Revisione e Officine Autorizzate e Revisione Auto 2020

Il costo della revisione auto è quello fissato dal Ministero dei Trasporti ed è pari a 66,80 euro, da pagare direttamente al titolare del centro revisione dopo aver eseguito i controlli e rilasciato l’adesivo di esito positivo.

costo convergenza gomme ed equilibratura

 

Revisione auto 2020: la lista dei controlli previsti

I controlli previsti per il rinnovo della revisione auto 2020 sono:

  • Impianto frenante: freno a mano, di servizio, freni, pasticche, dischi
  • Sterzo: cuscinetti, fissaggio, stato meccanico
  • Vetri: specchietti, lavavetri
  • Impianto elettrico: proiettori, luci, indicatori
  • Telaio carrozzeria: porte, serrature, serbatoio
  • Rumori, gas di scarico
  • Identificazione del veicolo tramite targa e telaio
  • Clacson, cinture di sicurezza anteriori e posteriori

 

Revisione auto 2020, Certificato di revisione e Documento Unico

Il nuovo certificato di revisione auto è entrato in vigore dal 1° gennaio 2020 sebbene le regole per l’annotazione del chilometraggio sul libretto siano già state recepite nel 2019.

Le novità introdotte dal certificato di revisione sono fondamentali per ottemperare e adeguare la normativa sulle revisioni alla direttiva UE n. 2014/45. Teniamo presente che tutti i dati della revisione, compresi i km auto, confluiranno poi nel famoso Documento Unico che potrà essere visualizzato sul Portale dell’Automobilista, da chiunque e in tempo reale.

  • Certificato di revisione: cos’è

È il documento ufficiale che i centri di revisione, ACI, Motorizzazione devono rilasciare ai proprietari dei veicoli una volta terminata la procedura di revisione e dei controlli. Il suo obiettivo è limitare le frodi nazionali ed europee sul chilometraggio delle auto e dei veicoli in generale.

Con il certificato di revisione è infatti diventato obbligatorio annotare il chilometraggio del veicolo. Tutti i dati riportati sul certificato di revisione confluiranno nel Documento Unico dell’auto, caricato online sul Portale dell’Automobilista, al quale gli ispettori potranno accedere direttamente per conoscere i chilometri reali dell’auto in vendita oppure che è stata venduta/acquistata.

  • Certificato di revisione: come funziona

In sede di revisione, il personale tecnico autorizzato deve annotare l’esito dei controlli effettuati, compresi i chilometri percorsi dall’auto. Il certificato di revisione contiene quindi i dati obbligatori standardizzati:

  • Numero di identificazione del veicolo
  • Targa e simbolo dello Stato di immatricolazione
  • Luogo e data di revisione
  • Lettura del contachilometri al momento del controllo
  • Categoria del veicolo
  • Carenze individuate e livello di gravità
  • Risultato del controllo tecnico
  • Data del successivo controllo tecnico o scadenza del certificato di revisione
  • Nome di chi ha eseguito le verifiche, firma o dati identificativi dell’ispettore responsabile del controllo
  • Altre informazioni
  • Il Documento Unico di Circolazione: entrata in vigore e benefici

Lo abbiamo già introdotto, il Documento Unico di Circolazione (DUC): quel documento che sostituirà il Certificato di Proprietà (di competenza ACI) e il Libretto di Circolazione del veicolo (prodotto dalla Motorizzazione).

In altre parole un solo documento – invece che due – con benefici tangibili in termini di semplificazione e costi. Il DUC entrerà in vigore gradualmente durante tutto l’anno, poi dal 1° novembre 2020 sarà ufficiale. L’introduzione del DUC si inserisce all’interno della direttiva europea n. 2014/45 già citata.

 

La revisione auto 2020 falla da Codeghini Auto!

Codeghini Auto è un’autofficina di Vizzolo Predabissi, di fianco a Melegnano (MI). Officina autorizzata alla vendita di modelli Opel e specializzata in modelli Suzuki a Milano Sud, Codeghini Auto è un punto di riferimento nel settore automobilistico grazie all’ampia proposta di servizi offerti.

Dai tipici servizi di autofficina alla gestione del noleggio auto: da Codeghini Auto troverai sempre personale altamente qualificato e strumentazione all’avanguardia.

Inoltre, in Codeghini Auto avrai il tuo punto di riferimento per eseguire verifica e controllo tramite revisione dell’auto. E se non sei sicuro di superarla, puoi prenotare una verifica preliminare.

Tenere sotto controllo la tua auto, anche tra una revisione e l’altra, ha due vantaggi:

  • ti garantisce un’auto sempre sicura e “in forma”
  • riduce il rischio di non superare la revisione e di doverla ripetere

Contatta Codeghini Auto per prenotare la revisione auto 2020 o per avere ulteriori informazioni.